AddThis Social Bookmark Button
Home Accademia d'Arcadia Audio
Lagrime mie audio

Barbara STROZZI (1619 – 1677)
Lagrime mie
(Diporti di Euterpe ovvero Cantate e ariette a voce sola, op.7 Venezia, Bartolomeo Magni, 1659)
Silvia Frigato, soprano
Accademia d’Arcadia (con strumenti d'epoca)


Lagrime mie

Lagrime mie, à che vi trattenete, 
Perchè non isfogate il fier’ dolore,
Chi mi toglie’l respiro e opprime il core? 
Lidia, che tant’ adoro,
Perchè un guardo pietoso, ahimè, mi donò 
I paterno rigor l’impriggionò. 
Tra due mura rinchiussa stà la bella innocente, 
Dove giunger non può raggio di sole, 
E quel che più mi duole
Ed accresc’il mio mal, tormenti e pene, 
È che per mia cagione prova male il mio bene 
E voi lume dolenti non piangete! 
Lagrime mie, à che vi trattenete? 
Lidia, ahimè, veggo mancarmi, l’idol mio, 
Che tanto adoro! 
Stà colei tra duri marmi per cui spiro 
E pur non moro. 
Se la morte m’è gradita, 
Or che son privo di spene, 
Dhè, toglietemi la vita
(Ve ne prego) aspre mie pene! 
Ma ben m’accorgo, che per tormentarmi maggiormente,
La sorte mi niega anco la morte. 
Se dunque è vero, o Dio, che sol del pianto mio.
Il rio destino ha sete.

Testo di Pietro Dolfino