AddThis Social Bookmark Button
Progetto Artemisia: "Et manchi pietà" - il Film

et-manchi-pieta 1920x1080-1920x1078

 

ACCADEMIA D’ARCADIA - ANAGOOR presentano

ET MANCHI PIETÀ
Artemisia Gentileschi: tredici quadri ed un prologo - Il Film


Accademia d'Arcadia & Anagoor presentano in anteprima al Teatro dell'Arte la nuova versione di ET MANCHI PIETÀ
appositamente commissionata dal CRT Teatro dell'Arte in occasione della terza conferenza pubblica dell' IBA (International Biennal Association) alla XXI Triennale di Milano

 

Première:

XXI TRIENNALE DI MILANO
CRT Teatro dell’Arte

31 maggio - 5 giugno 2016

 

PRESENTAZIONE

 

Evocare per immagini una figura emblematica come quella di Artemisia Gentileschi, la cui produzione iconografica si legò fin da subito nell’immaginario collettivo agli scenari di una vita tempestosa e violenta, è una sfida.
Concepire un apparato visivo che dialoghi in equilibrio con la musica antica senza imporsi come medium dominante è un’altra sfida.
L’esplorazione di nuovi linguaggi performativi ad opera di Anagoor e di Accademia d'Arcadia ha raccolto la doppia sfida di evocare per immagini una figura emblematica come quella di Artemisia Gentileschi e, al contempo, di concepire uno spettacolo che prevede la presenza di musica antica.

Nasceva così nel 2012 al Festival MITO Et manchi pietà, spettacolo in cui si fondono musica dal vivo e video art, in seguito replicato in varie sedi.
In questo affresco di suoni e immagini tredici grandi quadri, tredici stazioni di vita, sposano altrettanti brani musicali di Monteverdi, Merula, Strozzi, Castello, Landi, Rossi, Falconieri, Fontana, Trabaci, Marini, traducendone l’umore melanconico o quello violento o quello esuberante, legandoli indissolubilmente ai temi pittorici della Gentileschi e ad un gesto artistico dalla potenza rabbiosa la cui eco è capace di permanere come un fantasma a distanza di secoli.

LA NUOVA VESTE DI ET MANCHI PIETÀ

Ora lo spettacolo originario è diventato un'"opera cinematografica con prologo".
Uno spettacolo video visionario, come sempre sono le opere di Anagoor, che racchiude un concerto con la musica del tempo di Artemisia, musica che l’ensemble Accademia d’Arcadia, diretto da Alessandra Rossi Lürig, ha in questo caso adattato e registrato appositamente.
Una colonna sonora fatta di melodie in perenne tensione che spesso rappresentano anche una cultura della trasgressione e di intensi eccessi: caratteristiche che la legano indissolubilmente ai temi estetici elaborati nei dipinti di Artemisia.

Novità di questa rappresentazione è anche la presenza sul palcoscenico di Moreno Callegari, attore del collettivo, in scena per introdurre il pubblico in un viaggio fatto di parole e musica che si annidano fra le pieghe della biografia di Artemisia Gentileschi.
In occasione di questo allestimento il materiale video è stato rimontato.
Et manchi pietà si configura in questa veste come un progetto frutto della commistione di linguaggi espressivi differenti, un’opera video-teatral-musicale che si inserisce appieno dell’esplorazione di nuovi orizzonti artistici.

CREDITS

Introduzione: Moreno Callegari

Musica: Brani di Lorenzo Allegri, Claudio Monteverdi, Giovanni Maria Trabaci, Tarquinio Merula, Giovanni Battista Fontana, Andrea Falconieri, Luigi Rossi, Barbara Strozzi, Stefano Landi, Dario Castello

Interpreti:
Silvia Frigato, soprano
Accademia d’Arcadia (con strumenti originali):
Davide Monti, Fabio Ravasi, violini
Guido De Vecchi, viola
Claudia Pasetto, viola da gamba
Daniele Bovo, violoncello
Federico Bagnasco, violone
Lorenzo Lio, flauti
Pietro Modesti, cornetto
Marta Graziolino, arpa barocca
Ugo Nastrucci, tiorba, chitarra barocca
Matteo Rabolini, percussioni
Filippo Ravizza, cembalo
Alessandra Rossi Lürig, cembalo, direzione e adattamento brani

Audio:
Sound engineer: Matteo Costa, direttore artistico: Andrea Dandolo

Concept video, riprese e scenografie:
Simone Derai, Moreno Callegari, Marco Menegoni / Anagoor

Soggetto e regia:
Simone Derai

Una produzione Fondazione d’Arcadia / Anagoor 2012

 

ET MANCHI PIETÀ


Sito dedicato

Presentazione del progetto

TRAILER I

 

 

 

TRAILER II