AddThis Social Bookmark Button
Home News Vai all'archivio News Luglio 2004 - Laboratorio e concerti di oboe barocco: La banda degli oboi
Luglio 2004 - Laboratorio e concerti di oboe barocco: La banda degli oboi
01/07/2004

Ia Parte:

LA MUSIQUE DU ROY SOLEIL


La banda di oboi riscosse enorme successo nell'Europa barocca. A partire dalla Francia di Luigi XIV, nella quale questa formazione faceva parte a pieno titolo della guardia personale del Re, partecipando a tutte le sue uscite pubbliche - si trattasse di incontri con altri capi di stato, sfarzose feste a corte, balletti equestri, matrimoni, funerali, o cerimonie di altro genere - si radicà ben presto in altri stati come la Germania (Stadt Pfeifer) e l'Inghilterra.
Non solo musica militare quindi, ma anche suites, follie, danze, musiche di scena e di altro genere, vennero composte da molti compositori dell'epoca affascinati dalle possibilità timbriche di questa formazione che permetteva di fare musica all'aperto avendo perà una duttilità di suoni e dinamiche impensabili con altri strumenti in questo contesto. Si tratta spesso di musica pregevolissima che necessita di una disciplina e una cura profonda da parte degli esecutori.

Grazie alla Fondazione Arcadia e al Comune di Cles (TN) si svolgerà durante il mese di luglio 2004, nella cittadina di Cles (TN), un interessante progetto che ha per finalità di affrontare - nel corso di tre anni - lo studio della musica scritta per questa formazione strumentale che riscosse enorme successo nelle principali corti dell'Europa barocca. Il progetto, coordinato da Simone Toni, prevede quest' anno lo studio del «Manuscrit Philidor».

Programma primo anno:
Il manoscritto Philidor ovvero la musica del Re Sole.

Bibliotecario della biblioteca musicale del Re e oboista alla Corte, Andre' Danican Philidor compila questa raccolta di «Marches et batteries de tambour".avec les airs de fifre et de hautbois» nel 1705 per espresso volere di Luigi XIV. In essa sono contenute musiche scritte dai maggiori compositori della straordinaria corte di Versailles (fra i quali M. Hotteterre, Lalande, Lully, A. D. Philidor, Desmarets) per feste all'aperto, balletti equestri, sfilate e parate, matrimoni e funerali, celebrazioni, insomma di tutti quegli avvenimenti pubblici per i quali era prevista la presenza del Re e naturalmente della sua amata "Bande de Hautbois" .

In concomitanza letture su la "Grande Ecurie du Roy", "La Bande de hautbois ", etc.

Programma secondo anno:
Stadt Pfeifer : la musica tedesca per Banda di Oboi.

Programma terzo anno:
Inghilterra: Musick for the Royal Fireworks.

Corso:

In concomitanza con il laboratorio per banda di oboi, per la partecipazione al quale e' prevista una borsa di studio, si terrà un corso di oboe barocco aperto a tutti gli oboisti, anche a coloro che, pur non avendo familiarità con lo strumento antico,volessero approfondire le diverse caratteristiche della prassi esecutiva barocca.

Orari: le mattine verranno dedicate alle lezioni individuali, i pomeriggi alla preparazione del repertorio concertistico e alle lezioni teoriche.

Concerti:

13 Luglio 2004: Cattedrale di Cles, ore 21

14 Luglio 2004: Castello di Cles, ore 17

Ulteriori luoghi e date in fase di progettazione.

Docente: Simone Toni

Simone Toni, milanese, si è diplomato al conservatorio G. Verdi della sua città con Sergio Crozzoli. Divenuto giovanissimo primo oboe del Teatro alla Scala ha avuto la possibilità di suonare per le più importanti istituzioni musicali europee riscuotendo anche grandi soddisfazioni personali ( il Times di Londra l'ha giudicato "un eccellente oboe solista" ). Nel 1995 si trasferisce in Olanda per dedicarsi totalmente allo studio della musica antica e si diploma in oboe barocco al Conservatorio Sweelinck di Amsterdam sotto la guida di Alfredo Bernardini. Attualmente collabora, anche in qualità di solista con alcuni dei più prestigiosi gruppi di musica antica . E ' docente di oboe barocco presso l ' Accademia Internazionale della Musica di Milano. E' responsabile della sezione fiati del gruppo strumentale Accademia d'Arcadia.

Informazioni ed Iscrizioni:

Fondazione Arcadia - Tel. 02/29510045